Home » Storie di mare » Spigola nel buio - Ale

Spigola nel buio - Ale

Spigola nel buio - Ale - Ombre nel mare a.s.d.
Una spigola catturata nella penombra

Bergeggi SV, Ottobre 2005

Quel mattino Gianni, Chris ed io, eravamo d’accordo a  partire prestissimo, infatti alle 4.00 eravamo già in macchina pronti a partire. Da dove abitiamo c’è un’oretta di strada da fare per andare al mare.Così per una volta eravamo noi i primi ad entrare in quel tratto di mare che vede sempre una grande affluenza di gente da tutte le parti (anche da Milano). Già , ma il problema è che era troppo presto, alle 5.30 non si vedeva praticamente nulla, il sole stava sorgendo ma data la giornata nuvolosa era ancora buio. A farci un po’ di luce sul pelo dell’acqua solo un lampione del vicino porto che faceva apparire l’acqua gialla. Si procede in fila indiana rasente agli scogli cercando di fare poco rumore nel tentativo di sorprendere qualche preda. Ma continuava ad essere troppo buio…!! Nella penombra riesco a distinguere delle ombre, mi fermo a guardarle immobile, erano delle belle salpe intente a pascolare indisturbate vicino agli scogli. Cosi faccio segno a Chris di avvicinarsi senza fare rumore e di guardare attentamente fra il branco in quanto poteva celarsi, come spesso accade, una preda ben più ambita, la spigola. Christian, dopo aver scrutato alcuni minuti il branco, indietreggia dicendo di non aver visto niente di particolare. Così mi affaccio nuovamente dallo scoglio che mi nascondeva completamente alla loro vista, ma il branco, forse disturbato dall’andirivieni mio e del compagno, comincia a sfilare verso il largo passandomi davanti, ed improvvisamente un altra ombra, diversa e più grande delle altre appare come dal nulla verso di me.

Decido di sparare a quell’ ombra che non ero riuscito a riconoscere fino al momento in cui ha cominciato a dimenarsi disperatamente per liberarsi dall’asta rivelando la sua identità, una bella spigola solitaria che si aggirava da sola in caccia.
La cosa bella è che Gianni, ancora estraneo all’accaduto in quanto nuotava più indietro, avvicinandosi a me dice:
Io senza dire niente, faccio apparire davanti al suo naso lo spigolone che ancora si dimena tra le mie mani, immaginate con quale stupore.
Quella spigola ancora oggi suscita in tutti noi, emozioni ogni volta che si ricorda l’accaduto.
02/09/2012